Come scegliere il deumidificatore giusto per il tuo materasso

I livelli di umidità nella tua camera da letto possono migliorare il tuo sonno e la qualità dell’aria. Per mantenere sotto controllo i livelli di umidità e garantire un buon sonno sia durante la notte che dopo la notte, si consiglia di acquistare un deumidificatore. Nella guida seguente saranno illustrati diversi consigli su come scegliere il deumidificatore giusto per il tuo materasso.

deumidificatore

Perché usare un deumidificatore per il materasso

Un deumidificatore è un elettrodomestico che assorbe l’umidità in eccesso nell’aria. Troppa umidità nella tua camera da letto può portare a problemi come la muffa, virus, acari della polvere e anche problemi respiratori. Gli esperti suggeriscono che le camere da letto richiedono circa il 30-50% di umidità tutto l’anno per avere aria di qualità per dormire. Il miglior deumidificatore per la camera da letto controllerà i livelli di umidità e li manterrà al livello ideale, riducendo al tempo stesso l’irritazione del sistema respiratorio e della pelle, aiutandoti a respirare più facilmente e ad essere più a tuo agio in camera da letto. Se si utilizza un sistema di aria condizionata per la propria casa, un deumidificatore dovrebbe anche aiutare a ridurre i costi energetici. I climatizzatori devono lavorare sodo per raffreddare l’aria e rimuovere l’umidità, ma la tua unità durerà più a lungo e funzionerà in modo più efficiente con un piccolo aiuto da parte di un deumidificatore.

Come funzionano i deumidificatori

Un ventilatore all’interno del deumidificatore porta l’aria umida all’interno dell’unità. L’aria passa attraverso tubi freddi all’interno dell’unità che raffredda l’aria e ritira l’umidità.
L’umidità catturata si attacca ai tubi freddi e gocciola nel secchio del deumidificatore. L’aria originale passa sopra diversi tubi più caldi per tornare alla temperatura originale. Un altro ventilatore soffia l’aria deumidificata nella camera da letto, di solito attraverso un filtro dell’aria trasparente. Dovrai svuotare periodicamente il secchio nella parte inferiore del deumidificatore mentre si riempie con l’umidità in eccesso che aspira dall’aria.

Come scegliere il deumidificatore per il materasso

In primo luogo, è necessario assicurarsi che sia abbastanza grande. Più grande è la tua camera da letto, maggiore è la capacità di cui avrai bisogno. I deumidificatori più moderni per la camera da letto presentano un display a LED e alcuni pulsanti intuitivi per aiutarti a far funzionare il deumidificatore in pochi minuti. Se il deumidificatore richiede la programmazione, assicurati di non acquistarne uno troppo difficile da configurare.

I migliori deumidificatori presentano una manutenzione relativamente bassa e vengono forniti con un display a LED luminoso per indicare l’impostazione di umidità programmabile, la velocità della ventola e il timer. Una volta raggiunta la capacità dell’acqua, si spegne automaticamente e ricorda che il vassoio rimovibile deve essere svuotato con una luce a LED.

Come trattare un materasso in caso di umidità per evitare danni

Aspirare il materasso su entrambi i lati per rimuovere l’umidità. Porre il materasso al sole, in quanto il calore aiuta ad uccidere i batteri e ad asciugare l’umidità accumulata. Acquistare il materasso da rivenditori specializzati come Secilflex, che ha un negozio di materassi a Pescara. Prova a lasciare il materasso per almeno due ore, girandolo ogni mezz’ora. È importante deodorare il materasso, in quanto gli odori possono accumularsi nel tempo. Fai attenzione all’utilizzo di prodotti commerciali specifici per deodorare le superfici, poiché molti di questi non rimuovono l’odore e lo ricoprono solo con odori chimici più forti. Spolverare leggermente il bicarbonato di sodio sulla superficie del materasso (se lo si desidera, è anche possibile aggiungere alcune gocce di olio essenziale). Lasciare agire per almeno un’ora, quindi aspirare di nuovo a fondo.

Il bicarbonato solleva lo sporco residuo ed è un ottimo deodorante naturale. E’ indicato girare il materasso ogni 2-3 mesi, per evitare che si deformi e aumentare la longevità (a meno che tu non abbia un materasso in gommapiuma). Una delle cose più importanti da ricordare quando si pulisce un materasso è evitare di saturarlo eccessivamente con la soluzione detergente. Un materasso umido richiede molto tempo per asciugarsi e se non è ben asciugato, può sviluppare cattivi odori, muffe e funghi.

Per evitare macchie sul materasso, utilizzare un copri-materasso che può essere lavato in lavatrice e sostituito facilmente ogni settimana. Si potrebbe anche prendere in considerazione l’acquisto di un materasso. impermeabile. Non utilizzare mai una soluzione di candeggina nel tentativo di rimuovere eventuali macchie di umidità. La candeggina peggiora le macchie diffondendole. Volendo per rimuore le macchie di umidità presenti sul materasso, è possibile utilizzare una soluzione a base di borace: inumidire la macchia con acqua. Versare una piccola quantità di borace sulla e strofinare delicatamente con un movimento circolare (si dovrebbe notare lo scolorimento della macchia).

Una volta che la macchia è coperta, sbiadita o rimossa, lasciare che la borace si asciughi e aspirare con un aspiratore. In alternativa alla borace, è possibile utilizzare l’aceto bianco: assorbire il più possibile la macchia di umidità tamponando con la carta assorbente. Spruzzare sulla macchia l’aceto bianco e tamponare con un tovagliolo di carta. Ripetere i passaggi 2 o più volte per rimuovere la macchia e l’odore di muffa dal materasso. Lasciare asciugare all’aria aperta. Rimuovere eventuali residui di aceto applicando una piccola quantità di acqua nell’area interessata e asciugare tamponando sempre con un tovagliolo di carta.